OFF.F - Offerta formativa
MIUR
in collaborazione con CINECA
Cerca

Università
Università degli Studi di CATANIA

Classe di laurea
L-19 Scienze dell'educazione e della formazione

Nome del corso
Scienze dell'educazione e della formazione

Facoltà del corso
SCIENZE della FORMAZIONE

Sito del corso
http://www.fmag.unict.it

Obiettivi formativi qualificanti della classe: L-19 Scienze dell'educazione e della formazione
I laureati nei corsi di laurea della classe devono aver acquisito:
* conoscenze teoriche di base e competenze operative nelle scienze pedagogiche e metodologico-didattiche, integrate da ambiti differenziati di conoscenze e competenze nelle discipline filosofiche, sociologiche e psicologiche, ma sempre in relazione a una prevalenza della formazione generale, relativa alla conoscenza teorica, epistemologica e metodologica delle problematiche educative nelle loro diverse dimensioni, compresa quella di genere;
* conoscenze teorico-pratiche per l'analisi della realtà sociale, culturale e territoriale, e competenze per elaborare, realizzare, gestire e valutare progetti educativi, al fine di rispondere alla crescente domanda educativa espressa dalla realtà sociale e dai servizi alla persona e alle comunità;
* abilità e competenze pedagogico-progettuali, metodologico-didattiche, comunicativo-relazionali, organizzativo-istituzionali al fine di progettare, realizzare, gestire e valutare interventi e processi di formazione continua, anche mediante tecnologie multimediali e sistemi di formazione a distanza;
* una solida cultura di base nelle scienze della formazione dell'infanzia e della preadolescenza finalizzata ad acquisire competenze specifiche, saperi trasversali, metodi e tecniche di lavoro e di ricerca per gestire attività di insegnamento/apprendimento e interventi educativi nei servizi;
* il possesso fluente, in forma scritta e orale, di almeno una lingua dell'Unione Europea, oltre l'italiano;
* adeguate competenze e strumenti per la comunicazione e la gestione dell'informazione.

Sbocchi occupazionali previsti dai corsi di laurea sono in attività di educatore e animatore socio-educativo nelle strutture pubbliche e private che gestiscono e/o erogano servizi sociali e socio-sanitari (residenziali, domiciliari, territoriali) previsti dalla legge 328/2000 e riguardanti famiglie,minori, anziani,soggetti detenuti nelle carceri, stranieri, nomadi, e servizi culturali, ricreativi, sportivi (centri di agregazione giovanile, biblioteche, mediateche, ludoteche, musei, ecc.) nonché servizi di educazione ambientale (parchi, ecomusei, agenzie per l'ambiente, ecc.); sbocchi occupazionali sono anche in attività professionali come formatore, istruttore o tutor nei servizi di formazione professionale e continua, pubblici, privati e del privato sociale, nelle imprese e nelle associazioni di categoria; come educatori nei nidi e nelle comunità infantili, nei servizi di sostegno alla genitorialità, nelle strutture prescolastiche, scolastiche ed extrascolastiche, e nei servizi educativi per l'infanzia e per la preadolescenza.

Ai fini indicati, i curricula dei corsi di laurea della classe:
* comprendono in ogni caso attività finalizzate a garantire le adeguate conoscenze di base;
* si differenziano tra loro al fine di perseguire maggiormente alcuni degli obiettivi indicati rispetto ad altri, oppure di approfondire particolarmente alcuni settori applicativi;
* prevedono, in relazione a obiettivi specifici, l'obbligatorietà di tirocini formativi presso scuole, istituzioni ed enti educativi e formativi, aziende e strutture della pubblica amministrazione, e possono anche prevedere soggiorni presso altre università italiane ed estere, anche nel quadro di accordi internazionali.

Sintesi della consultazione con le organizzazioni rappresentative a livello locale della produzione, servizi, professioni
La programmazione didattica dei nuovi corsi di laurea è stata a suo tempo presentata ai rappresentanti delle associazioni professionali A.N.PE. (Associazione Nazionale Pedagogisti), A.N.E.P. (Associazione Nazionale Educatori Professionali), A.I.F. (Associazione Italiana Formatori), F.I.PED. (Federazione Italiana Pedagogisti), nei rispettivi delegati regionali, per verificare la rispondenza alle richieste di figure professionali di laureati ed alle prospettive di occupazione nel territorio siciliano.
Nell'ambito della concertazione con le suddette organizzazioni, il corso di laurea in "Scienze dell'educazione e della formazione" è stato riconosciuto valido.
Le convenzioni stipulate per il preesistente corso di laurea saranno mantenute per assicurare agli studenti periodi di tirocini finalizzati alla preparazione professionale degli iscritti al nuovo corso di laurea.
Obiettivi formativi specifici del corso e descrizione del percorso formativo
Il corso di laurea in Scienze dell'Educazione e della Formazione si propone di fornire conoscenze e sviluppare competenze per elaborare, realizzare, sviluppare e valutare progetti educativi sia nel settore pubblico sia nel privato, nell'ambito di interventi sociali e di comunità dei servizi orientati alla crescita culturale della popolazione e delle attività per la sensibilizzazione alle problematiche relative all'ambiente culturale, alla promozione della salute ed alla salvaguardia dell'ambiente naturale.
Il percorso formativo si sviluppa attraverso l'acquisizione di competenze ed abilità riferite al complesso delle scienze dell'educazione e delle discipline storiche, filosofiche, sociologiche e psicologiche.
Esso prepara laureati in grado di lavorare con minori, anziani, disabili, giovani in difficoltà, immigrati, nei servizi socio-educativi, socio-sanitari e culturali, nonchè nell'ambito dei servizi per l'infanzia. I laureati, devono aver acquisito conoscenze, abilità e competenze che permettano loro di rispondere alla crescente domanda educativa espressa dalla realtà sociale e dai servizi alla persona ed alle comunità. Inoltre, essi dovranno essere in grado di analizzare i bisogni formativi dei diversi contesti lavorativi e organizzativi e di attuare processi formativi ad essi funzionali.
Le attività didattiche per il raggiungimento degli obiettivi sopra descritti consisteranno in lezioni frontali, seminari di approfondimento, esercitazioni, tirocinio guidato in istituzioni ed enti, aziende e strutture pubbliche e private.
Durante il primo anno, gli studenti acquisiranno conoscenze teoriche di base e competenze operative negli ambiti delle discipline pedagogiche (M-PED/01, M-PED/02, per un totale di 20 cfu), nonché delle discipline filosofiche, psicologiche e sociologiche (M-FIL/06, M-PSI/01, SPS/07, per un totale di 30 cfu). Contestualmente, acquisiranno abilità informatiche e si dedicheranno all'apprendimento di una lingua straniera a scelta tra inglese, francese e spagnolo. Inoltre, gli studenti saranno ulteriormente interessati alle prospettive professionali mediante seminari di orientamento.
I percorsi formativi del successivo biennio saranno finalizzati allo sviluppo di:
- abilità e competenze pedagogico-progettuali, metodologico-didattiche, comunicativo-relazionali e organizzativo-istituzionali, finalizzate anche alle problematiche per l'integrazione interculturale negli ambienti di vita e di lavoro (M-PED/01, M-PED/02, M-PED/03, M-PED-04, per 20 cfu);
- conoscenze teorico-pratiche e competenze per l'analisi delle realtà territoriali e storico-culturali, nell'ambito delle discipline geografiche, storiche, organizzative (M-GGR/01, M-STO/01, M-STO/02, M-PSI/06, per 21 cfu), per gestire e valutare servizi alla persona ed alle comunità negli ambienti di vita e di lavoro;
- abilità e competenze per la gestione e la valutazione di interventi e processi di formazione continua, anche mediante tecnologie multimediali, con riferimento, a scelta, alla logica e filosofia della scienza (M-FIL/02, cfu 6), all'informatica (INF/01, cfu 6) ed ai metodi didattici delle attività motorie (M-EDF/01, cfu 6);
- conoscenze e capacità di utilizzazione scritta ed orale di una lingua dell'Unione Europea da scegliere tra i settori L-LIN/04, L-LIN/07, L-LIN/12 (per 8 cfu);
- conoscenze e competenze nell'ambito delle discipline pedagogiche, psicologiche e socio-sanitarie (M-PED/03, M-PSI/04, MED/38, MED/42, per 24 cfu) per progetti educativi finalizzati a rispondere alla domanda educativa espressa dalla realtà sociale e dai servizi alla persona ed alle comunità, con particolare riguardo per le problematiche relative al disagio sociale e ai servizi destinati all'infanzia e considerando anche le problematiche relative all'integrazione dei disabili.
Le suddette aree verranno integrate con 18 cfu, di tre dei seguenti settori: MED/25, SPS/12, L-ANT/03, IUS/08, L-FIL-LET/10, SPS/09, ICAR/17, MED/39, M-PSI/05.
Agli insegnamenti a scelta dello studente sono assegnati 12 cfu, mentre alle attività di tirocinio ed ai seminari di orientamento e di approfondimento sono attribuiti 10 cfu in totale.

Risultati di apprendimento attesi, espressi tramite i Descrittori europei del titolo di studio
Conoscenza e capacità di comprensione (knowledge and understanding)
I laureati devono aver acquisito, alla fine del percorso formativo, una solida preparazione nelle conoscenze teoriche di base e competenze operative nelle scienze pedagogiche e metodologico-didattiche, integrate da ambiti differenziati di conoscenze e competenze nelle discipline storiche, filosofiche, sociologiche e psicologiche, ma sempre in relazione a una prevalenza della formazione generale, relativa alla conoscenza teorica, epistemologica e metodologica delle problematiche educative nelle loro diverse dimensioni, da quella degli adulti a quella di genere.
Le attività formative finalizzate agli obiettivi di conoscenza e competenza sopra descritti saranno costituite essenzialmente dai corsi di lezioni frontali, integrati da seminari di approfondimento per sviluppare parti delle singole discipline di particolare interesse formativo, per approfondire in senso trasversale aree di interesse interdisciplinare, per valutare le capacità di comprensione e le capacità di apprendimento degli studenti.
La verifica del raggiungimento dei risultati sarà effettuata sia nell'ambito degli stessi seminari di approfondimento, da parte dei tutor in modo informale, sia mediante prove di valutazione in itinere.
Capacità di apprendimento (learning skills)
I laureati dovranno aver sviluppato le abilità di apprendimento necessarie per il loro sviluppo professionale e per intraprendere ulteriori studi con un alto grado di autonomia. Dovranno essere anche capaci di adeguare le proprie conoscenze alla dinamica dei contesti sociali in cui si trovano ad operare, nonché all'evoluzione della normativa nazionale e delle direttive internazionali.
Gli studenti saranno stimolati a sviluppare le capacità di autoapprendimento assegnando loro dei temi di approfondimento sia su determinati aspetti delle varie problematiche esposte nell'ambito delle diverse discipline di insegnamento, sia su aspetti riguardanti le realtà sociali osservate nel corso del tirocinio. Essi dovranno produrre degli elaborati scritti, che mostrino la loro capacità di ricerca bibliografica e di elaborazione delle fonti consultate.
La valutazione del progresso delle capacità di apprendimento autonomo sarà basata sulla pertinenza e sulla rispondenza degli elaborati allo stato delle conoscenze ed alle presenti realtà sociali.
Capacità di applicare conoscenza e comprensione (applying knowledge and understanding)
I laureati devono essere capaci di applicare le conoscenze teorico-pratiche, acquisite attraverso le attività didattiche svolte nei diversi insegnamenti, all'analisi della realtà socio-educativa, culturale, territoriale e dei bisogni di salute. Ulteriori capacità di applicare le conoscenze e le competenze acquisite riguardano:
- la realizzazione di progetti educativi, sia nel settore pubblico sia nel privato, nell'ambito dei servizi rivolti ai singoli ed alle comunità, di cui devono essere in grado di percepire ed analizzare i problemi espressi e non espressi per proporre e realizzare le opportune soluzioni, con riferimento anche alle problematiche relazionali ed all'integrazione interculturale;
- l'applicazione delle abilità e delle competenze pedagogico-progettuali, metodologico-didattiche, comunicativo-relazionali e organizzativo-istituzionali al fine di realizzare interventi e processi di formazione continua e di sviluppo delle risorse umane.
- i metodi per la conduzione degli interventi educativi nei servizi per l'infanzia, per la preadolescenza e per la genitorialità.
Durante il percorso formativo, gli studenti potranno iniziare ad applicare le conoscenze apprese sia in sede di esercitazioni nei laboratori didattici sia nel corso del tirocinio (obbligatorio) che consentirà loro di sperimentare concretamente le attività di educatore e animatore socio-educativo in strutture pubbliche e private di servizi sociali, compresi gli asili nido e le comunità infantili, di servizi culturali, ricreativi, di promozione della salute e di educazione ambientale.
Il tirocinio consentirà anche di sperimentare concretamente le problematiche del funzionamento della formazione in istituzioni ed enti di formazione professionale, aziende e strutture della pubblica amministrazione.
La valutazione del grado di capacità raggiunto sarà effettuata mediante relazioni scritte e sulla base delle osservazioni da parte dei tutor.
Autonomia di giudizio (making judgements)
I laureati devono essere in grado di rilevare ed interpretare con spirito critico i dati relativi al proprio campo di attività al fine di utilizzare con autonomia di giudizio le conoscenze e gli strumenti per sviluppare diversi metodi di ricerca nell'ambito educativo, compresa l'educazione a sani stili di vita e l'educazione al rispetto dell'ambiente, e nell'ambito dell'animazione socio-educativa per l'analisi, il rilevamento e il trattamento dei dati e dei risultati relativi ai bisogni sociali, di benessere, culturali e ricreativi dei singoli e delle comunità. Essi devono essere in grado di utilizzare autonomamente le conoscenze e gli strumenti per sviluppare diversi metodi di ricerca anche nell'ambito sociale, applicando le proprie competenze tecniche e operative all'analisi, al rilevamento ed al trattamento dei dati relativi ai processi educativo-formativi nell'ambito del lavoro e delle professioni, al fine di esprimere giudizi circa la loro efficacia in rapporto ad obiettivi prefissati.
La capacità di formulare giudizi autonomi riguardo alle problematiche prospettate dai docenti e dai tutor nel corso delle lezioni e dei seminari ed in occasione del tirocinio sarà progressivamente stimolata riservando adeguato spazio alla discussione interattiva. In modo più specifico, gli studenti saranno stimolati alla discussione e ad esprimere i loro punti di vista nel corso delle esercitazioni a piccoli gruppi, nel cui ambito sarà possibile anche valutare i progressi da essi conseguiti nella capacità di elaborare ed interpretare dati tratti dalle osservazioni fatte presso le strutture ed i servizi in cui hanno effettuato il tirocinio.
Abilità comunicative (communication skills)
I laureati dovranno aver fatto propri adeguati strumenti e competenze per la comunicazione nell'ambito delle attività erogate dai servizi sociali, culturali, ricreativi e di educazione a sani stili di vita ed al rispetto dell'ambiente, grazie all'approfondimento delle proprie conoscenze linguistiche, informatiche e di sperimentazione. Essi dovranno possedere una adeguata conoscenza dell'organizzazione dei servizi sopra menzionati per essere in grado di comunicare con gli operatori e con gli utenti dei servizi stessi, al fine di promuovere dinamiche relazionali anche mediante colloqui individuali e di gruppo. Inoltre, dovranno aver sviluppato sia l'attitudine a lavorare in gruppo, sia ad operare con definiti gradi di autonomia. Infine, dovranno aver fatto propri adeguati strumenti e competenze sia per la comunicazione con gli utenti sia per esprimere in modo convincente ai responsabili ed agli operatori dei servizi le proprie idee riguardo a problemi emergenti negli ambiti della loro attività e di proporre soluzioni per promuovere l'utilizzazione ottimale delle risorse umane.
Lo sviluppo delle abilità comunicative sarà promosso nel corso dei seminari e delle esercitazioni dedicate specificamente all'approfondimento delle tecniche di comunicazione già esposte con la didattica tradizionale; esse saranno ulteriormente promosse sul campo durante il tirocinio obbligatorio a cura dei tutor e con la partecipazione dei professionisti istituzionalmente impegnati nei servizi in cui esso sarà svolto.
Il progresso nelle abilità acquisite sarà valutato dai docenti, sulla base di elaborati scritti, e dai tutor, sulla base dell'osservazione nel corso delle esercitazioni e del tirocinio.

Conoscenze richieste per l'accesso
Per accedere al corso sono richieste, oltre al possesso di un diploma di scuola secondaria superiore quinquennale o di altro titolo di studio conseguito all'estero riconosciuto idoneo dal consiglio di corso di laurea, buone conoscenze di cultura generale considerate di patrimonio comune, conoscenze linguistiche relative alla capacità e familiarità nelle espressioni verbali, conoscenze nell'ambito delle scienze umane e cognizioni logico-teoriche che concorrono a fornire la base culturale che faciliterà l'apprendimento delle tematiche trattate nel corso di laurea.
Le modalità di verifica di tali conoscenze sono demandate al regolamento didattico del corso di studio, che indicherà anche gli obblighi formativi aggiuntivi previsti nel caso in cui la verifica non sia positiva.

Caratteristiche della prova finale
La prova finale consisterà nella presentazione di un sintetico elaborato scritto (Tesi di laurea), concordato con un docente e discusso in una seduta di esame collettiva.
L'elaborato (Tesi di laurea) riguarderà un argomento teorico, una esperienza pratica o una ricerca empirica.

Sbocchi occupazionali e professionali previsti per i laureati
Il laureato opera nei servizi culturali e territoriali, nelle agenzie per le attività del volontariato, in contesti di marginalità sociale, di multiculturalità e/o di multietnia, con obiettivi di promozione e di tutela della persona e della diversità attraverso mirate ed efficaci iniziative per la formazione della personalità, ma anche per la prevenzione e/o la riduzione del disagio e dello svantaggio. Gli ambiti di esercizio professionale sono rappresentati da strutture pubbliche e private aventi funzione educativa e di animazione sociale, quali: centri e strutture socio-educative, servizi sociali, comunità alloggio, centri per anziani, centri per immigrati, comunità per soggetti in condizioni di disagio socio-culturale, sistema penitenziario, ma anche la strada, il quartiere, la città, i musei, le biblioteche, le videoteche, ecc.
Gli sbocchi occupazionali previsti dal corso di laurea sono in attività di educatore e animatore socio-educativo nelle strutture pubbliche e private che gestiscono e/o erogano servizi sociali e socio-sanitari (residenziali, domiciliari, territoriali) previsti dalla legge 328/2000 e riguardano famiglie, minori, anziani, soggetti detenuti nelle carceri, stranieri, nomadi, nonchè servizi culturali, ricreativi (centri di aggregazione giovanile, biblioteche, mediateche, ludoteche, musei, ecc.) di educazione ambientale (parchi, ecomusei, agenzie per l'ambiente, ecc.). Ulteriori sbocchi occupazionali riguardano lo sviluppo di attività professionali come formatore, istruttore, tutor nei servizi di formazione professionale continua e di orientamento nei servizi pubblici, privati e del privato sociale, erogati da Regioni, Enti Locali, enti di formazione, imprese ed associazioni di categoria.
Il corso prepara alle professioni di
Professione
Tutor, istitutori e insegnanti nella formazione professionale - (3.4.2.4.1)
Operatori socio-assistenziali e animatori per l'infanzia e la prima adolescenza - (3.4.5.1.2)
Tecnici del reinserimento e dell'integrazione sociale degli adulti - (3.4.5.2.0)

Massimo numero di crediti riconoscibili (DM 16/3/2007 Art 4) 60
(Crediti riconoscibili sulla base di conoscenze e abilità professionali certificate individualmente, nonché altre conoscenze e abilità maturate in attività formative di livello post-secondario alla cui progettazione e realizzazione l'università abbia concorso)


Sede del corso: CATANIA (Via Ofelia s.n. 95124 )
Organizzazione della didattica semestrale
Modalità di svolgimento degli insegnamenti Convenzionale
Data di inizio dell'attività didattica 11/10/2010
Utenza sostenibile230


Docenti di riferimento


CATANIA
  • prof. CONIGLIO Maria Anna (MED/42)


Tutor disponibili per gli studenti
  • prof. ARENA Gaetano Maria
  • prof. PIAZZA Roberta
  • prof. CATALFAMO Angela Francesca
  • prof. CONIGLIO Maria Anna


Previsione e programmazione della domanda
Programmazione nazionale delle iscrizioni al primo anno (art.1 Legge 264/1999)No
Programmazione locale (art.2 Legge 264/1999)Si - N° di posti: 230
Requisiti per la programmazione locale
- Sono presenti sistemi informatici e tecnologici
- E' obbligatorio il tirocinio didattico presso strutture diverse dall'ateneo


Insegnamenti del corso


Attività di base

ambito disciplinaresettoreDocentiCFU
Discipline pedagogiche e metodologico-didattiche M-PED/02 Storia della pedagogia
M-PED/01 Pedagogia generale e sociale
2
6
20
Discipline filosofiche, psicologiche, sociologiche e antropologiche SPS/07 Sociologia generale
M-PSI/01 Psicologia generale
M-FIL/06 Storia della filosofia
14
4
7
30
Totale Attività di Base: 50




Attività caratterizzanti

ambito disciplinaresettoreDocentiCFU
Discipline pedagogiche e metodologico-didattiche M-PED/04 Pedagogia sperimentale
M-PED/03 Didattica e pedagogia speciale
M-PED/02 Storia della pedagogia
M-PED/01 Pedagogia generale e sociale

2
2
6
20
Discipline storiche, geografiche, economiche e giuridiche M-STO/02 Storia moderna
M-STO/01 Storia medievale
M-PSI/06 Psicologia del lavoro e delle organizzazioni
M-GGR/01 Geografia
15
5
1
9
21
Discipline scientifiche M-FIL/02 Logica e filosofia della scienza
M-EDF/01 Metodi e didattiche delle attivita' motorie
INF/01 Informatica
1
1
25
6
Discipline linguistiche e artistiche L-LIN/12 Lingua e traduzione - lingua inglese
L-LIN/07 Lingua e traduzione - lingua spagnola
L-LIN/04 Lingua e traduzione - lingua francese
9
2
3
8
Discipline didattiche e per l'integrazione dei disabili MED/42 Igiene generale e applicata
MED/38 Pediatria generale e specialistica
M-PSI/04 Psicologia dello sviluppo e psicologia dell'educazione
M-PED/03 Didattica e pedagogia speciale
10
14
1
2
24
Totale Attività Caratterizzanti79




Attività affini

ambito disciplinaresettoreDocentiCFU
Attività formative affini o integrative SPS/12 Sociologia giuridica, della devianza e mutamento sociale
SPS/09 Sociologia dei processi economici e del lavoro
MED/39 Neuropsichiatria infantile
MED/25 Psichiatria
M-PSI/05 Psicologia sociale
L-FIL-LET/10 Letteratura italiana
L-ANT/03 Storia romana
IUS/08 Diritto costituzionale
ICAR/17 Disegno
3
4
2
9
3
15
7
9
7
18
Totale Attività Affini18



Altre attività

CFU
A scelta dello studente12
Per la prova finale3
Per la conoscenza di almeno una lingua straniera4
Abilità informatiche e telematiche4
Tirocini formativi e di orientamento10
Totale Altre Attività33



TOTALE CREDITI180