OFF.F - Offerta formativa2012/2013
MIUR
in collaborazione con CINECA
Cerca

Università
LINK CAMPUS University

Classe di laurea
LM-59 Scienze della comunicazione pubblica, d'impresa e pubblicità

Nome del corso
Tecnologie e Linguaggi della Comunicazione

Facoltà del corso
Scuola per attivita undergraduate e graduate


Obiettivi formativi qualificanti della classe: LM-59 Scienze della comunicazione pubblica, d'impresa e pubblicità
I laureati nei corsi delle lauree magistrali della classe devono:
• possedere le competenze per svolgere ruoli di responsabilità gestionale della comunicazione nelle aziende, nelle istituzioni e nelle amministrazioni, negli enti pubblici, nelle organizzazioni non profit e nelle agenzie professionali che realizzano pubblicità e prodotti di comunicazione (eventi, campagne, servizi per la stampa e pubbliche relazioni);
• possedere competenze metodologiche idonee alla realizzazione di prodotti comunicativi e campagne promozionali di enti pubblici, di imprese e di organizzazioni non profit;
• possedere abilità metodologiche idonee alla gestione dei flussi di comunicazione interna e esterna di imprese, di enti e aziende pubbliche e di organizzazioni del terzo settore;
• possedere le competenze necessarie per l'uso delle nuove tecnologie della comunicazione per la gestione dei processi di comunicazione delle imprese, delle organizzazioni pubbliche e non profit.
• possedere la padronanza scritta e orale di almeno una lingua dell'Unione Europea, oltre all'italiano.


Sbocchi occupazionali e attività professionali previsti dai corsi di laurea sono, con funzioni di elevata responsabilità, nell'ambito del management della comunicazione per la gestione aziendale, la valorizzazione delle risorse umane, l'organizzazione e la gestione di strutture per le relazioni con il pubblico, la progettazione e la realizzazione di piani di comunicazione integrata, nell'ambito di enti pubblici, non profit e delle imprese.

Ai fini indicati i curricula dei corsi di laurea magistrale della classe comprendono le seguenti competenze:
• conoscenza della lingua inglese fra i requisiti curriculari di accesso;
• attività dedicate all'approfondimento delle conoscenze fondamentali nei vari campi della comunicazione e dell'informazione, con riferimento anche all'analisi dei media impiegati nella comunicazione delle imprese, degli enti pubblici e non profit;
• attività dedicate all'applicazione dei metodi propri della ricerca sulla comunicazione e sulla cultura organizzativa, sulle dinamiche di gestione nelle organizzazioni e sulle caratteristiche e stili di comportamento dei pubblici;
• attività dedicate all'approfondimento delle conoscenze e delle tecniche del lavoro creativo e di promozione e gestione dei piani di comunicazione integrata.
I curricula dei corsi di laurea magistrale della classe possono prevedere attività laboratoriali e/o di stage anche nella forma di attività esterne (tirocini formativi presso enti, aziende e organizzazioni non profit, oltre a soggiorni di studio presso altre università italiane e straniere).

Sintesi della consultazione con le organizzazioni rappresentative a livello locale della produzione, servizi, professioni
Il giorno 11 maggio 2012, alle ore 12, presso la sede dell’Università degli Studi “Link Campus University” si è svolto l'incontro con i rappresentanti delle seguenti organizzazioni rappresentative a livello locale del mondo della produzione, dei servizi e delle professioni:
•Unindustria – Dott.ssa Raffaella Merlino
•UIL di Roma e del Lazio – Dott. Angelo Pagliara
•Ordine degli Avvocati di Roma – Avv. Riccardo Bolognesi
•Ordine dei Consulenti del Lavoro Consiglio Prov. di Roma – Dott.ssa Elena Conti
•UGL di Roma – Dott. Cristiano Leggeri
•Confapi Lazio – Dott. Guido D’Amico
•Confimpreseitalia – Dott. Guido D’Amico
•Unimpresa – Avv. Sergio Maria Battaglia
Le suddette organizzazioni sono state convocate dal Presidente del Comitato Tecnico Ordinatore dell’Università degli Studi “Link Campus University”, Prof. Vincenzo Scotti, ai fini dell’acquisizione del parere sull’Offerta Formativa dell’Università.

Il Dott. Angelo Pagliara (UIL) ha espresso un giudizio altamente positivo sull'Offerta formativa dell'Università, evidenziando, in particolare, come essa, prevedendo anche attività pratiche (stages, esperienze in azienda, etc..), soddisfi le richieste del mercato del lavoro nei vari Paesi.
Il Dott. Cristiano Leggeri (UGL) ha espresso un giudizio positivo sull'Offerta formativa dell'Università ed in particolare sul modello didattico presentato e che differenzia LCU da molte Università già presenti nel territorio.
L'Avv. Sergio Maria Battaglia (Unimpresa) ha espresso un giudizio positivo sull'Offerta formativa dell'Università.
La Dott.ssa Raffaella Merlino (Unindustria) ha definito “premiante” la scelta di attivare un corso di Recitazione per tutti gli studenti dei diversi corsi di laurea e di laurea magistrale.
Obiettivi formativi specifici del corso e descrizione del percorso formativo
Il Corso di laurea magistrale in Tecnologie e Linguaggi della Comunicazione mira a sviluppare:
(a) conoscenze metodologiche, a livello di management, idonee alla progettazione, organizzazione e gestione dei contenuti e di comunicazione interna ed esterna, nelle imprese operanti nei vari settori di attività, negli enti della pubblica amministrazione e nelle organizzazioni non profit;
(b) capacità di svolgimento di compiti di elevata responsabilità, organizzativi e gestionali, nelle agenzie di comunicazione e pubblicità e nei centri media nel rispetto delle normative che regolano la comunicazione e le imprese di comunicazione;
(c) conoscenze per le attività di comunicatore pubblico;
(d) abilità di utilizzazione fluente, in forma scritta e orale, almeno della lingua inglese, oltre l'italiano, con riferimento anche ai lessici disciplinari.
Il profilo uscente è di un professionista esperto e abile a gestire con competenze magistrali l'innovazione sul piano delle comunicazione pubblica e/o di quella d'impresa, con particolare disposizione a saper elaborare e disporre i nuovi formati comunicativi che caratterizzano gli scenari delle moderne reti di comunicazione.



Risultati di apprendimento attesi, espressi tramite i Descrittori europei del titolo di studio
Conoscenza e capacità di comprensione (knowledge and understanding)
Il titolo di laurea magistrale sarà conferito a studenti che dimostrino:
a) di possedere conoscenze superiori e magistrali nelle discipline della comunicazione d'impresa e pubblica;
b) di aver acquisito conoscenze, con il supporto di testi avanzati, di vari temi di avanguardia e di innovazione teorica e applicativa nei campi di studi attinenti le discipline della comunicazione d'impresa e pubblica e nelle loro ramificazioni di diverso grado ricadenti sui campi generali della innovazione comunicativa e delle scienze umane e sociali e delle tecnologie dell'informazione e della comunicazione integrata di rete.
Queste conoscenze saranno acquisite in particolare attraverso gli insegnamenti sopratutto istituzionali del percorso biennale. Gli insegnamenti affini e integrativi del biennio concorrono ad ampliare il raggio delle conoscenze e a inserire alcune competenze ritenute necessarie per la comprensione approfondita dei contesti aperti e complessi che caratterizzano le diverse pratiche di comunicazione d'impresa e pubblica, sia quella di "taglio" tradizionale che quella emergente in forma innovativa.
Capacità di applicare conoscenza e comprensione (applying knowledge and understanding)
Il titolo di laurea magistrale sarà conferito, altresì, a studenti che:
a) siano capaci di applicare le loro conoscenze ai fondamenti e ai processi e manifestazioni concrete della comunicazione d'impresa e pubblica ma anche con specifico riferimento alle dimensioni economiche, organizzative e gestionali, oltreché culturali e teoriche, nell'ambito delle tendenze di mercato e dell'innovazione comunicativa;
b) abbiano acquisito capacità di progettare, acquisire, gestire e ordinare basi di dati informativi e documentali;
c) siano in grado di acquisire e comprendere le applicazioni dei metodi e delle tecniche della comunicazione d'impresa e pubblica nei vari settori produttivi e nelle strategie dell'innovazione sia per quanto riguarda le ricadute in termini di nuova impresa sia per le diverse implicazioni socio-culturali ed economiche e produttive;
d) abbiano acquisito competenze adeguate a sostenere e argomentare idee e tematiche generali e specifiche nei diversi campi della comunicazione pubblica e d'impresa e, quindi, a risolvere problemi conseguenti alle dimensioni concrete delle loro applicazioni istituzionali e innovative;
e) sappiano adottare e dimostrare approcci professionali corrispondenti ai percorsi formativi della comunicazione d'impresa e pubblica e delle teorie della comunicazione con specifico collegamento ai processi di produzione, ai vari mercati della comunicazione e alle forme di organizzazione delle tipologie di lavoro corrispondenti. Queste capacità saranno acquisite attraverso attività formative, negli ambiti disciplinari caratterizzanti, affini e integrativi, tese a definire casi di studio e contesti specifici delle pratiche di comunicazione d'impresa e pubblica sia di "taglio" tradizionale che innovativo.
Autonomia di giudizio (making judgements)
Il titolo di laurea magistrale sarà conferito a studenti che dimostrino:
a) capacità di raccogliere ed elaborare, sia in senso teorico che in senso produttivo, dati e informazioni relativi ai settori e ai processi distintivi della comunicazione d'impresa e pubblica con valenza e procedure atte a configurare giudizi autonomi;
b) capacità di interpretazione originale di dati e informazioni acquisite con tecniche di acquisizione propria, inclusa la riflessione sulle ripercussioni socio-culturali degli interventi e delle realtà tipiche del vasto e stratificato mondo della comunicazione d'impresa e pubblica;
c) sensibilità a cogliere e sviluppare le implicazioni e le conseguenze sociali ma anche teoriche e applicative delle strategie o degli interventi concreti delle forme che manifestano la comunicazione nei vari settori del mercato globale e locale delle più diverse imprese pubbliche o private, con specifico riferimento alle dimensioni economiche e a quelle dell'innovazione strategica. Queste capacità saranno acquisite attraverso esercitazioni, attività laboratoriali e l'approfondimento di specifici ed esemplari casi di studio della comunicazione pubblica e d'impresa, tese a favorire il confronto di vari e anche conflittuali modelli teorici, nonché a misurare la valutazione specifica di pratiche di comunicazione implementate nei diversi apparati tecnologici ed espressivi, specialmente di quelli fortemente marcati dall'innovazione.
Abilità comunicative (communication skills)
Il laureato magistrale in Tecnologie e Linguaggi della Comunicazione è in possesso di competenze avanzate e superiori di comunicazione, idonee a trasmettere un insieme vasto e complesso di tematiche specifiche ma anche di argomenti generali e trasversali a interlocutori sia generici che specialisti. Queste competenze linguistiche, visive, audiovisive, manageriali, organizzative, ecc. saranno acquisite con la specifica produzione e lo sviluppo di prototipi applicativi, nei diversi settori della comunicazione d'impresa e pubblica, e con la progettazione e la realizzazione concreta di oggetti e prodotti in cui i saperi teorici siano misurabili e valutabili nel loro profilo strategico e innovativo, e ciò sia attraverso attività prevalentemente laboratoriali sia con tirocinii e stage.
Capacità di apprendimento (learning skills)
Il laureato magistrale in Tecnologie e Linguaggi della Comunicazione è in grado di sviluppare capacità di apprendimento necessarie a intraprendere ricerche e progettazione di formati innovativi di comunicazione, con elevato grado di autonomia, nei settori diversi della comunicazione d'impresa e pubblica; può altresì intraprendere percorsi formativi superiori con una stringente attenzione ai campi di ricerca nei diversi rami del dottorato in scienze della comunicazione e alla ricerca dedita alle frontiere teoriche della comunicazione d'impresa e di quella pubblica e dell'innovazione applicativa verso formati di nuova generazione per gli scenari di multimedialità integrata di rete. Queste capacità saranno promosse e sviluppate sia attraverso la partecipazione ai corsi d'insegnamento istituzionale del biennio sia tramite attività formative, studi di casi e laboratori e, soprattutto, nella preparazione e stesura della prova finale, che deve essere configurata come una tesi magistrale su un tema specifico. Le capacità di apprendimento saranno tese a progettare ambiti di ricerca generale e specifica nei vari settori della comunicazione d'impresa e pubblica, con una particolare attenzione ai gradi innovativi e alle variabili emergenti nelle tecnologie della comunicazione in rete.

Conoscenze richieste per l'accesso
Per l'accesso alla laurea magistrale, gli studenti devono essere in possesso di conoscenze specifiche negli ambiti delle scienze della comunicazione e in particolare nei settori delle "scienze umane ed economico-sociali" e delle "discipline giuridiche, storico-politiche e filosofiche". Fra le conoscenze indispensabili richieste, sono ritenute importanti quelle dei settori disciplinari dell'economia e gestione delle imprese, della comunicazione visiva, del diritto privato, della lingua inglese, dell'informatica generale applicata ai saperi della comunicazione. I requisiti curricolari d'accesso e le modalità di verifica della preparazione iniziale verranno puntualmente descritti nel regolamento didattico del corso di studi magistrale.

Caratteristiche della prova finale
La prova finale consiste nella discussione, davanti ad una apposita commissione, di una tesi di laurea scritta, redatta in modo originale dallo studente sotto la guida di un relatore, da consegnarsi in formato elettronico ed eventualmente anche in forma cartacea all'Ufficio Accademico. L'elaborato presentato e la relativa discussione dovranno dimostrare che il candidato ha acquisito la padronanza degli strumenti analitici appresi nel corso di studio. La tesi è redatta in lingua italiana o inglese.

Sbocchi occupazionali e professionali previsti per i laureati
Le competenze acquisite in questo percorso di laurea magistrale consentono sbocchi professionali nell'area del management della Comunicazione d'impresa e pubblica. I laureati magistrali hanno opportunità di inserimento presso: imprese e organizzazioni consortili operanti nei vari settori di attività economica (manifatturiera e di servizi), ai diversi livelli della filiera di produzione (fornitura, produzione, distribuzione); agenzie di pubblicità e di comunicazione e centri media; enti della pubblica amministrazione (L. 150/2000) e organizzazioni non-profit (associazioni di categoria e di tutela, fondazioni), enti di promozione del territorio, ecc. Ulteriore sbocco professionale è rappresentato dall'attività di consulenza, svolta come libero professionista. L'ambito occupazionale previsto attiene al ruolo dirigenziale e comporta la piena valorizzazione, in chiave sistemica, delle abilità metodologiche, progettuali, organizzative, di coordinamento e di monitoraggio possedute dai laureati.
Il corso prepara alle professioni di
Professione
Specialisti nell'acquisizione di beni e servizi - (2.5.1.5.1)
Specialisti nella commercializzazione di beni e servizi (escluso il settore ICT) - (2.5.1.5.2)
Specialisti nella commercializzazione nel settore delle tecnologie dell’informazione e della comunicazione - (2.5.1.5.3)
Analisti di mercato - (2.5.1.5.4)
Specialisti delle relazioni pubbliche, dell'immagine e professioni assimilate - (2.5.1.6.0)

Massimo numero di crediti riconoscibili (DM 16/3/2007 Art 4) 12
(Crediti riconoscibili sulla base di conoscenze e abilità professionali certificate individualmente, nonché altre conoscenze e abilità maturate in attività formative di livello post-secondario alla cui progettazione e realizzazione l'università abbia concorso)


Sede del corso: ROMA ( )
Organizzazione della didattica semestrale
Modalità di svolgimento degli insegnamenti Convenzionale
Data di inizio dell'attività didattica 22/10/2012
Utenza sostenibile30


Docenti di riferimento
ROMA


Previsione e programmazione della domanda
Programmazione nazionale delle iscrizioni al primo anno (art.1 Legge 264/1999)No
Programmazione locale (art.2 Legge 264/1999)No




Attività caratterizzanti

ambito disciplinaresettoreDocentiCFU
Discipline della comunicazione pubblica e d'impresa SPS/08 Sociologia dei processi culturali e comunicativi
SPS/07 Sociologia generale
SECS-P/08 Economia e gestione delle imprese
IUS/01 Diritto privato




33
Discipline sociali, informatiche e dei linguaggi SPS/08 Sociologia dei processi culturali e comunicativi
M-PSI/06 Psicologia del lavoro e delle organizzazioni
M-FIL/05 Filosofia e teoria dei linguaggi
INF/01 Informatica




24
Totale Attività Caratterizzanti57




Attività affini

ambito disciplinaresettoreDocentiCFU
Attività formative affini o integrative SPS/07 Sociologia generale
SECS-P/06 Economia applicata
IUS/04 Diritto commerciale



21
Totale Attività Affini21



Altre attività

CFU
A scelta dello studente12
Per la prova finale15
Ulteriori conoscenze linguistiche7
Abilità informatiche e telematiche3
Tirocini formativi e di orientamento5
Per stages e tirocini presso imprese, enti pubblici o privati, ordini professionali0-5
Totale Altre Attività42



TOTALE CREDITI120